La Frascaroli a favore del quesito “È giusto che la gente si esprima”

[articolo di Silvia Bignami per Repubblica Bologna]

La candidata cattolica: contraria all’aumento dei fondi alle private.

La Frascaroli a favore del quesito  "È giusto che la gente si esprima"

“Mi piacerebbe che questo referendum sui fondi alle private ci fosse, più che altro per dare ai cittadini la possibilità di esprimersi su un tema così importante”. Amelia Frascaroli, leader della lista civica costruita insieme ai vendoliani di Sel in appoggio a Virginio Merola, promuove l’iniziativa lanciata da “Articolo 33″ di un referendum contro i finanziamenti pubblici alle paritarie. Lo fa, però, più pensando al metodo che al merito. “Sono consapevole – spiega – dell’intreccio che esiste tra pubblico e privato quando si parla di scuola”. La cattolica ripete quanto disse già durante la campagna elettorale per le primarie: “Sono certamente contraria ad aumentare i fondi destinati alle scuole private, se non altro per il momento storico di crisi in cui stiamo vivendo. Quella di aumenti è una richiesta che non capisco”.

Sui fondi che annualmente il Comune versa alle paritarie, difesi domenica su “Avvenire” anche dal presidente della Fism (Federazione italiana scuole materne) Rossano Rossi, la Frascaroli è più cauta: “Come ho sempre detto, bisogna controllare gli standard e la qualità pedagogica di queste scuole, e calibrare i fondi premiando quelle paritarie che rispettano il livello di servizio richiesto dal Comune”. Detto questo, il referendum popolare lanciato dall’associazione “Articolo 33″ e dalla Rete Laica andrebbe comunque fatto: “Quello che mi pare importante in questo momento è soprattutto che ai bolognesi venga data la possibilità di dire la loro, e di esprimere, con un voto, una scelta”.

  • Print
  • email
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn

Category: News  |  Tags: ,