Assoluta inconsistenza giuridica delle motivazioni dei garanti

COMITATO ARTICOLO 33
29 GIUGNO 2011
COMUNICATO STAMPA

SCUOLA BOLOGNA, REFERENDUM. CECCONI:
“ASSOLUTA INCONSISTENZA GIURIDICA
DELLE MOTIVAZIONI DEI GARANTI”

Maurizio Cecconi, vicepresidente e portavoce del Comitato Articolo 33, in merito al giudizio di inammissibilità espresso a maggioranza dai Garanti del Comune di Bologna.

“A una prima lettura risulta palese, come dimostrano altresì le opinioni espresse dalla prof.ssa Endrici e del dott. Alleva, l’assoluta inconsistenza giuridica degli argomenti addotti, dalla maggioranza del Comitato dei Garanti, per motivare l’inammissibilità del quesito referendario da noi presentato”.

“Il dovere costituzione degli enti della Repubblica di costituire scuole statali, per tutti gli ordini e gradi, impedisce di utilizzare il criterio della sussidiarietà orizzontale in materia d’istruzione“.

“Inoltre la legge 62/2000, nel prevedere un “sistema pre-scolastico integrato”, non impone agli enti locali alcun obbligo di finanziamento alle scuole paritarie private“.

“Infine, il referendum da noi proposto era e resta un referendum consultivo, privo di effetti normativi. Non può dunque essere valutato e giudicato come se fosse un referendum abrogativo“.

“Studieremo nei prossimi, insieme ai nostri giuristi e avvocati, quanto reso pubblico da Garanti e decideremo assieme quale strada intraprendere per far sì che il referendum, nonostante questa seconda battuta d’arresto, possa infine svolgersi”.

“Perché questa è la nostra intenzione: arrivare fino in fondo e dare la parola ai cittadini“.

Le motivazioni del collegio dei garanti sono scaricabili a questo link: verbale 29 06 2011

  • Print
  • email
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn

Category: Comunicati stampa  |  Tags: