Il tempo dell’istruttoria è scaduto. Ora è il tempo del referendum


Il Nuovo Comitato Articolo 33 dichiara che il tempo dell’istruttoria pubblica c’è stato ed è scaduto. Ora è il tempo del referendum. Non esiste consultazione migliore e più allargata e dunque rappresentativa del referendum.

Sia la Giunta che il Consiglio comunale avevano un anno fa messo nero su bianco il programma di un percorso partecipato da svolgersi nell’anno 2011-2012. Non solo questo non è stato fatto, ma in poche settimane è stata approvata una delibera di durata di mandato a cui sono previsti solo possibili aggiustamenti. La proposta che Sel aveva già avanzato, di un percorso di partecipazione secondo i crismi regionali, è stata respinta. E’stata approvata una nuova delibera di durata di mandato in linea di piena continuità con le precedenti.

Nel frattempo, il referendum è stato dichiarato ammissibile. Si è quindi aperta la strada ad un’ampia consultazione della cittadinanza, che non “schiaccia su un sì o un no”, ma al contrario apre ai cittadini perché esprimano in modo chiaro e inequivocabile le priorità. Non esiste consultazione migliore e più allargata e dunque rappresentativa del referendum.

Ora è il tempo del referendum. E’ tempo che i cittadini possano esprimersi, ci auguriamo per riorientare la politica bolognese nella direzione della scuola pubblica, laica e gratuita.

Il referendum si farà e lo faremo non solo per vincerlo, ma perché gli esiti della consultazione popolare vengano accolti e rispettati nei fatti. Qualsiasi alternativa proposta ha il sapore ormai di un compromesso al ribasso e in ogni caso arriva fuori tempo massimo.

La parola ai cittadini!

In rappresentanza del Nuovo Comitato Articolo 33,
la portavoce Francesca De Benedetti.

  • Print
  • email
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn