La parola ai cittadini! Aperta la raccolta firme per il referendum

Il Nuovo Comitato Articolo 33, dopo che i garanti del Comune di Bologna hanno dichiarato ammissibile il quesito referendario, comincerà domani 8 settembre a raccogliere le 9mila firme necessarie perché il referendum comunale consultivo venga indetto. Tre i mesi a disposizione per completare la raccolta.

DEDICATO ALLA CITTA’ Il referendum si apre alla città e ai cittadini. L’obiettivo della raccolta firme è del resto proprio costruire per la nostra città un grande appuntamento di partecipazione allargata e democratica per rilanciare la priorità del diritto alla scuola pubblica, laica, gratuita. Insomma, la scuola di tutti. Non a caso i banchetti organizzati da Nuovo Comitato Articolo 33 abbracceranno tutta la città: si partirà dal centro questo weekend, con appuntamenti serali inoltre in via Stalingrado, ma ci rivolgeremo anche ai tanti cuori che questa città ha. Metteremo infatti in primo piano anche le periferie, coinvolgeremo nella raccolta firme anche tutti e nove i quartieri della nostra città. Nella prima settimana ad esempio i nostri banchetti saranno presenti per cinque pomeriggi davanti all’IperCoop di Borgo Panigale.

LA SCUOLA APERTA E tra i cuori della città c’è il cuore pulsante, la scuola pubblica che è la scuola di tutti, aperta a tutti, e nel cui futuro noi cittadini stiamo investendo le energie e la battaglia. Con l’apertura della scuola dell’infanzia il 10 settembre, e con l’apertura delle altre scuole il 17 settembre, i referendari non mancheranno all’appuntamento. Assicuriamo infatti una nostra presenza con volantinaggi e banchetti vicino alle scuole.

UN REFERENDUM CIVICO Per l’appuntamento della raccolta firme, il Comitato referendario, che si occupa della articolazione e gestione dei banchetti e della raccolta in generale, si presenterà sempre e solo con l’unica bandiera delle sue idee: oltre ai singoli cittadini, anche i soggetti collettivi promotori stabiliscono che i banchetti del Comitato avranno carattere unitario, cioè saranno composti dal Comitato con la sola “bandiera”, il logo e il materiale del Comitato. La nostra bandiera è e sarà: LA PAROLA AI CITTADINI!

APERTI E INDIPENDENTI Questa raccolta firme, imbastita per dare una opportunità di partecipazione democratica, ci vede quindi aperti a tutti ma indipendenti. Aperti a tutti perché siamo disponibili a confrontarci e a discutere nel merito con tutti i cittadini la cui strada speriamo di incrociare. Aperti a tutti anche perché qualunque gruppo, movimento, partito voglia dare un sostegno fattivo alla iniziativa ad esempio contribuendo con i propri volontari alla raccolta firme e organizzando dibattiti, è il benvenuto e può inviarci la sua adesione ufficiale, come in tanti hanno già fatto. Ma indipendenti perché l’iniziativa referendaria rimane innanzitutto in capo ai cittadini che la hanno promossa e rimane aperta a tutti i cittadini che vorranno coinvolgersi e coinvolgere, senza distinzioni di colore politico. Anche per questo il Comitato ha chiesto ai gruppi che hanno inviato ufficialmente la loro adesione e il loro sostegno di abdicare a bandiere e simboli di partito/di appartenenza in occasione dei banchetti. Sarà il Nuovo Comitato Articolo 33 a gestire e articolare la raccolta firme, e lo farà aprendosi al sostegno di tutti i cittadini che vorranno investire un po’ di tempo e di energie per la scuola pubblica. Inoltre il Comitato si autofinanzia e continuerà ad autofinanziarsi: possiamo contare solo sulle nostre forze e sulla città, ecco perché ai nostri banchetti ci sarà un salvadanaio per le donazioni.

Per il Nuovo Comitato Articolo 33, la portavoce Francesca De Benedetti

Scheda sul referendum

Dove e quando firmare

Diventa volontario: coinvolgiti e coinvolgi

  • Print
  • email
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn